Glamping: significato e la mia esperienza

Se ti piace il campeggio forse avrai anche sentito parlare del glamping, di cui io sono venuta a conoscenza solo in tempi recenti, e sono rimasta affascinata e contentissima che esista ora questa realtà. Il significato di glamping è da ricercare nell’unione di due parole: camping e glamour e vuole unire tutti i vantaggi del campeggio, come dormire in mezzo alla natura, in tenda, l’atmosfera un po’ selvaggia, ai vantaggi del tipico b&b, quindi materasso comodo, magari lenzuola, e qualche comodità in più.
In questo articolo ti racconto un po’ la mia esperienza con il glamping e perché te la consiglio.

Glamping in Italia, esiste davvero?

Questa nuova forma di alloggio molto simile al campeggio, il glamping, si è diffusa inizialmente in Nord-Europa e in America, ed ora si sta diffondendo rapidamente anche in Italia.
Noi campeggiatori siamo sempre stati abituati a partire da casa carichi di roba per il campeggio, bisogna essere attrezzati almeno di tenda, materassino e sacco a pelo, e se poi ci metti un tavolino e qualche sedia e magari il fornelletto per cucinare qualcosa, le stoviglie, ecc, in un attimo ti ritrovi a partire col bilico…

Anche se vuoi partire all’avventura, zaino in spalla, un minimo di attrezzatura bisogna averla per dormire, la tenda più piccola pesa circa 2kg, mettici un materassino ed un sacco a pelo, un cuscino gonfiabile, aggiungi vestiti e scarpe, ed uno zaino 50 litri non te lo toglie nessuno.

Per questo la soluzione del glamping mi ha piacevolmente stupito.
Ne sono venuta a conoscenza quando ho deciso di percorrere a piedi la Via degli Dei, tra Bologna e Firenze, quindi viaggiando a piedi con lo zaino in spalla, cercando di farmi una idea sugli alloggi per la notte che avrei potuto trovare.

Volevo spendere poco per dormire, ma non volevo portarmi la tenda per riuscire a camminare più leggera.
Ho contattato varie strutture ed un paio, nei dintorni di Bologna, mi hanno proposto questa soluzione a me sconosciuta: il glamping.

Che cos’è il glamping

In pratica nel glamping, le strutture di accoglienza preparano già delle tende attrezzate per dormire, quindi complete di cuscino, coperte, materassino. In alcuni casi sono preparate addirittura con lenzuola pulite e cuscino come quello di casa, come se fossi in una camera d’hotel. In altre strutture basta portarsi il sacco lenzuolo (che occupa molto meno spazio nello zaino rispetto al sacco a pelo) e le strutture forniscono coperte, materassino ed ogni altro comfort.

Esistono vari tipi di soluzioni nel glamping, in alcune strutture si discosta poco dal campeggio tradizionale, con tende da 2 o 3 posti, predisposte con coperte spartane, mentre in altri casi le tende sono molto più ampie, dotate perfino di armadi e mobili vari, dotate di ogni comfort quasi come un hotel di lusso.

In genere le tende sono posizionate lontane tra loro, per favorire la privacy e la sensazione di essere totalmente immersi nella natura, i bagni sono in comune, spesso ospitati in una struttura dove ci si ritrova anche per la colazione ed eventuali pasti messi a disposizione dalla struttura.

Gampling: la mia esperienza

Percorrendo la Via degli Dei ho avuto dunque l’occasione di provare il glamping, nello specifico presso l’azienda agricola Terranova dei Noccioli (su Facebook: https://www.facebook.com/pg/TerraNovaDeiNoccioliAziendaAgricola/ ), che mette a disposizione la tenda con materassino e coperte, il bagno esterno e i pasti sono in condivisione con i proprietari dell’azienda agricola, preparati con le loro esperte manine e con i prodotti genuini del loro orto.

Glamping all'Azienda agricola terranova dei noccioli Via degli Dei

Quale miglior soluzione per me come arrivare lì dopo i kilometri percorsi a piedi sulla via degli Dei e trovare già la tenda montata, materassino e cuscini pronti, ogni comfort possibile, bibita fresca che mi aspettava?
L’esperienza è stata davvero positiva ed il prezzo irrisorio. Ho potuto dormire comodamente in tenda su un materasso grandissimo, godendomi la tranquillità del posto ed il panorama mozzafiato, oltre che i miliardi di lucciole che sono apparse al calar del sole.

Glamping in Italia

E la comodità del glamping a Terranova dei Noccioli è stata anche poter partire dopo la notte in tenda senza dovermi preoccupare di smontarla, sgonfiare il materassino ecc: ho dovuto solamente piegare il mio sacco lenzuolo, e via!

Il glamping al Nova Arbora vicino a Bologna

Ho avuto anche l’occasione di dormire presso un altra struttura, che offre camere e camerate con letti veri, oltre alla possibilità di piantare la propria tenda, e propone il glamping: il Nova Arbora (su Faceebook: https://www.facebook.com/Novarbora/ ), un giardino botanico immerso nel verde vicino a Sasso Marconi, a pochi kilometri da Bologna.

Anche questa struttura ospita parecchi camminatori che percorrono la Via degli Dei, accogliendoli in un vero paradiso terrestre.
Al Nova Arbora sono disponibili varie tende canadesi, belle spaziose, oltre ad un grande tepee indiano in cui possono dormire gruppi più numerosi.

Si può usufruire della piscina, del Wi-fi gratuito, della colazione nel casale dove vivono i proprietari, e l’ambiente è popolato da sculture naturali e decorazioni in legno che rendono anche una semplice passeggiata al Nova Arbora una continua scoperta.

Insomma al Nova Arbora si può vivere un glamping in varie forme, selvaggio ma confortevole, sotto le stelle ma con a disposizione tutti i servizi di un b&b.

Il glamping è dunque una esperienza da provare, non solo se ami il campeggio, ma anche se non lo ami, perché te lo fa vivere in modo confortevole, meno selvaggio, con poca differenza rispetto a dormire in un hotel, ma con il vantaggio di essere immerso nella natura e di fare una notte in cui solo un piccolo telo ti separa dal cielo stellato.

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.